Da a zitellina legera, socu in discussione cù eiustessa. Un ragionu di mè à mè chì u mondu s'impiega à suspende. Pè cuntinuà à parlà mi, aghju intrapresu di scrive ; Ma ciò chì si dice in mè ùn hè nentru e mio puesie. E puesie sò un contra rimore à u rimore di u mondu. Cio chì si dice in mè, hè palisatu à u silenziu, hè silenziu è basta. E puesie sfrisgianu u silenziu ; Ùn lu toccanu micca, u sfrisgianu. E puesie sò guasi interessante quant'hè u silenziu. Scrive hè guasi passiunante quant'ellu pò esse d'ùn fà nunda è aspettà e prime candelle d'acqua nu i concerto pè piano di Mozart.
(Adattu è accunciatu d'appressu un strattu di C.Bobin - Mozart et la pluie)

Sè tù poi vede strutta l'opera d'una vita
È senza una parolla mette ti torna à fà
O vede in un colpu a furtuna smarita
Senza cappià nè suspirà

Sè tù poi amà d'un senatu amore
Sè tù sai mischià forza è tenerezza
È sente ti udiatu senza avè odiu in core
Ma senza mai debulezza

Sè tù poi suppurtà di sente e to parolle
Cambiate da u furbu pè eccità u tontu
È sente nantu à tè cuntà e peghju fole
Senza mai rimbursà l'affrontu



Sè tù sì populare senza esse sapputellu
Sè tu fermi nazione cunsigliandu i Rè
Sè tù ami l'amicu cum'è ami un fratellu
Ma ch'ellu ùn sia tuttu per tè

Sè tù sai osservà tene dirittu l'estru
Senza mai diventa scetticu o distruttore
Sunnià senza lascià u sognu esse maestru
Pensà senz'esse solu pensatore

Sè tù poi esse sodu senza esse arrabbiatu
È esse curagiosu ma senza incunscenza
Sè tù poi esse bonu è esse aggalabatu
Senza murale o insulenza

Sè tù poi scuntrà Sucessu è Disfatta
È fà chì unu o l'atru sia puru listessu
Sè tù teni u curagiu è mente assenata
Quandu pè l'altri tuttu hè persu

Allora i Rè i Dii a Furtuna a Vittoria
Seranu pè u sempre i to schjavi dumati
È ciò chì vale più chè i Rè o a Gloria
Serè un omu u mo Figliolu

À Pierre Jean, à Florent, d'appressu l'adattazione francese di l'opera di Kipling

1 commentaire:

oLivIeR a dit…

♥ ♥ oLivIeR